La memoria di Berlino: Bayerisches Viertel

Berlino cosa vedere

Bayerisches Viertel

BAYERISCHES VIERTEL: IL PASSATO DI BERLINO RIVIVE NEL PRESENTE

Berlino e la sua storia. Le testimonianze e le ferite di due periodi storici che hanno influenzato il mondo e hanno avuto come centro Berlino, si trovano racchiuse nei suoi quartieri. Lo ripeto spesso, perché è proprio girando nei quartieri che si trova il passato e il presente di Berlino. Passato e presente non in una vetrina o separati dalla vita quotidiana dei berlinesi, bensì parte dell’ambiente urbano. A Schöneberg si trova un quartiere che è la testimonianza vivente degli anni della dittatura nazionalsocialista e delle persecuzioni contro gli ebrei: Bayerisches Viertel.

Non sapevo quasi niente di questo quartiere, ci sono andata perché una mia amica mi ha raccontato di un Percorso della memoria che si snoda proprio tra le vie di questa zona. Andandoci ho poi scoperto che Bayerisches Viertel è per diversi motivi un quartiere unico a Berlino.

UN QUARTIERE UNICO E UN LUOGO DELLA MEMORIA

Una delle particolarità di questo quartiere è che fu progettato per persone della media e alta borghesia. I suoi abitanti erano infatti intellettuali benestanti, funzionari, imprenditori, medici, avvocati e soprattutto banchieri.

Questa „isola di lusso“ fu costruita fra il 1900 e il 1914 e ha una linea della metropolitana (U-Bahn 4) creata appositamente. Ora so il motivo di questa curiosa linea metropolitana con solo 5 fermate! Una linea su misura!

Le case con eleganti facciate in stile rinascimentale del sud della Germania, decorazioni, giardini interni, luminose e appartamenti che arrivavano anche ai 250 mq, esattamente l’opposto di come viveva la maggior parte dei berlinesi ammassati nelle Mietskaserne nei quartieri operai come Kreuzberg, Friedrichshain, Prenzlauer Berg, Mitte, Wedding e altri. Fra gli illustri abitanti del Bayerisches Viertel troviamo persone come Albert Einstein, Erich Fromm, Erwin Piscator e tanti altri.

I bombardamenti del 1945 hanno danneggiato gravemente questo quartiere, negli Anni ’50 molte di queste case sono state demolite per fare spazio a palazzine di quattro piani.

Non è finita qui: il Bayerisches Viertel è, oggi, un Luogo della Memoria:

„Nei panifici e nelle pasticcerie devono essere esposti cartelli che avvisano che non si effetua la vendita agli ebrei e ai polacchi“ 14.2.1942

in questo quartiere una buona parte dei residenti erano ebrei, ed è per questo che fu soprannominato „Jüdische Schweiz“ (la Svizzera ebrea). Dei 16 mila ebrei che abitavano qui, molti fuggirono fuori dalla Germania nel 1933. Nel 1943 6000 furono deportati nei campi di concentramento. I nazisti avevano trasformato diversi edifici del quartiere in una sorta di „pre-lager“ chiamati „Judenhaus“ in cui venivano rinchiusi gli abitanti ebrei per poi essere portati nei lager. Nel Bayerisches Viertel si trovavano più di una ventina di „Judenhaus“.

„Gli ebrei possono acquistare alimenti a Berlino solo il pomeriggio dalle 4 alle 5“ 4.7.1940

La Sinagoga che si trovava in Münchener Strasse fu distrutta durante la „Notte dei Cristalli“ nel 1938 e in seguito demolita nel 1956.

In ricordo degli abitanti ebrei del Bayerisches Viertel uccisi dai nazionalsocialisti, nel 1993 gli artisti Renata Stih e Frieder Schnock hanno praticamente trasformato il quartiere in un monumento alla memoria: camminando per le strade del quartiere incontrerete una serie di cartelli stradali (ben 80!) simili a quelli che indicano le vie.

„Gli impiegati postali sposati con le ebree dovranno andare in pensione“ 8.6.1937

Questi cartelli hanno su un lato simboli o pittografie e sull’altro lato sono citate leggi e ordinanze razziali del periodo nazionalsocialista contro la popolazione ebrea. Il titolo dell’opera è: „Luoghi della memoria nel Bayerisches Viertel: emarginazione e privazione die diritti, espulsione, deportazione e assassinio die berlinesi ebrei dal 1933 al 1945„.

„Gli ebrei non possono entrare nelle piscine berlinesi“ 3.12.1938

Sempre su questo tema, all’interno del Rathaus Schöneberg, che si trova poco distante da Bayerischer Platz, si può visitare l’esposizione „Wir waren Nachbarn – Biographien jüdischer Zeitzeugen“ („Noi eravamo vicini – Biografie testimoni ebrei dell’epoca“, una raccolta di 142 album di famiglie ebree che abitavano in questo quartiere.

Bayerisches Viertel

U-Bahn 4 – fermata Bayerischer Platz

Mostra „Wir waren Nachbarn – Biographien jüdischer Zeitzeugen“

Rathaus Schöneberg, John-F.-Kennedy-Platz, 10825 Berlino

Entrata gratuita

Orari di apertura:

dal lunedi al giovedi, sabato e domenica dalle 10 alle 18

Ein Gedanke zu “La memoria di Berlino: Bayerisches Viertel

  1. Pingback: Un buon Falafel a Berlino | BERLIN KOMBINAT BLOG

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.