Osseria: un ristorante-museo a Weissensee

Cosa mangiare a Berlino

IL RISTORANTE OSSERIA: LA CUCINA TEDESCA AI TEMPI DELLA DDR

Berlino è ormai da qualche anno anche una capitale della gastronomia. Cucine e specialità da ogni parte del mondo sono il „tradizionale“ da queste parti. E cosa si mangiava nella Berlino Est ai tempi della DDR? Una piccola istituzione berlinese è il ristorante Osseria, gioco delle parole Ossi e Osteria. Un ristorante davvero unico e tutt’ora frequentato dagli abitanti del posto, ovvero il quartiere di Weissensee. Un ristorante che è anche un po’ un museo.

Dove mangiare a Berlino

MEMORABILIA DDR E CUCINA DI UN’ALTRA EPOCA

Osseria: già il nome dimostra il sense of humor di questi berlinesi dell’Est che gestiscono questo ristorante molto più genuino di quello prettamente turistico che si trova di fianco al museo della DDR vicino al Duomo di Berlino. Ossi è un dispregiativo usato dai tedeschi dell’Ovest per indicare quelli dell’Est, un po’ come in Italia si utilizza “terrone”. Anzi, il significato è proprio quello.

Una volta entrata con due compagne di avventura nel ristorante, siamo state sommerse da memorabilia DDR ad ogni angolo. „Sono i nostri clienti che ci hanno portato gran parte di questi oggetti e continuano tutt’ora!“, racconta la cameriera. Più che la pesantezza di reliquie, qui c’è la leggerezza pop di un ricordo e quel trash che mette di buon umore. Dove mangiare a BerlinoQuando ci sono stati portati i menù è scattato il sorriso: i menù sono dentro le cartelle porta-attestati in uso in quel periodo. La musica di sottofondo non poteva che essere una compilation delle hit nazionalpopolari della DDR, che conosco a memoria perché le devo mettere anche io quando lavoro al Trabi Museum!

La nostra cena è stata quindi alla ricerca di piatti tradizionali di questa altra parte di Berlino, quella che ufficialmente non esiste più ma che ancora c’è, in fondo la riunificazione è avvenuta solo nel 1990.

Da bere ci siamo lanciate sulla Vita Cola, la Coca Cola della DDR che oggi comunque si trova in tutti i supermercati, come del resto tantissimi prodotti dell’Est, inclusi i cetrioli Spreewald che il protagonista di Good Bye Lenin! cercava per sua madre.

Dove mangiare a Berlino

Kartoffelsuppe

DALLA SOLJANKA ALla “FALSa lepre”

Per iniziare Berliner Kartoffelsuppe: zuppa di patate con sopra un wurst intero. In alternativa è molto consigliata la zuppa Soljanka, dalla tradizione russa ed entrata nella tradizione culinaria della Germania dell’Est.

Ed ecco la portata principale:

Dove mangiare a Berlino

Jägerschnitzel

Jägerschnitzel: la versione DDR della Schnitzel (ovvero la cotoletta), due fette di Jagdwurst impanate, fritte con sopra salsa di pomodoro e con contorno di pasta. Una vera esperienza e di sicuro non leggerissima. Di leggero il menù offre giusto l’insalata!

Dove mangiare a Berlino

Falscher Hase

Falscher Hase: il nome è un programma, falsa lepre, e infatti si tratta di carne macinata che con la lepre non ha niente a che vedere. Una sorta di polpettone con salsa e contorno di cavolo rosso e patate. Falscher Hase risale alla Seconda Guerra Mondiale: i tedeschi amavano l’arrosto di coniglio o di lepre per il pranzo domenicale. Dopo la guerra fu proibito mangiarli, perché ne erano rimasti pochi. A questo punto entra in gioco la fantasia e i gatti! Sì, i gatti che non erano protetti da un qualche divieto e fisicamente potevano essere spacciati per conigli o lepri. Per non fare capire che in realta erano gatti, se ne faceva carne macinata e da qui il nome Falscher Hase! Comunque, non preoccupatevi, il macinato oggi è un misto di carne di maiale e manzo.

Dove mangiare a Berlino

Blutwurst

Blutwurst: ovvero sanguinaccio con contorno di Sauerkraut (crauti) e patate.

Ci sono altri piatti della „tradizione“ come Steak ou four oppure Schweinfilet Hawaii che però mi risultava troppo sperimentale dal momento che c’è l’ananas sulla fetta di carne, oppure varie versioni di Gulasch, il tipico stinco berlinese che è bollito e tante altre specialità tradizionali. Nemmeno a dirlo che quasi tutte sono specialità tedesche con variazioni regionali o, in questo caso, di settore di occupazione!

Dove mangiare a BerlinoGran finale con il dessert: alla richiesta di qualcosa di tipico DDR, la nostra simpaticissima cameriera (che non si è risparmiata nel raccontarci divertenti aneddoti del passato) ci ha proposto il Rote Grütze! Ce l’ha portato perché anche a raccontarlo non rendeva l’idea: una ciotola enorme (porzioni tedesche) con una crema di vaniglia e dei pezzi rossi che avevamo scambiato per anguria ma poi una volta messi in bocca avevano il sapore di Big Babol. Infine la scoperta: i pezzi di falsa anguria erano fatti di semolino e insaporiti con succo di fragola. Sembra che ho descritto l’orrore, e invece non era niente male, quindi consigliato!

Osseria è diventato uno dei miei ristoranti preferiti, l’ambiente mette il buon umore e la cucina è un’esperienza culturale. Se però si è vegetariani può essere un problema. Del resto si tratta di cucina tradizionale tedesca. E per chi viene in vacanza, da mettere nel programma!

Aggiornamento 2018: Il ristorante Osseria ha cessato l’attivita’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *