La vita quotidiana a Berlino Est: un nuovo DDR Museum

IL DDR MUSEUM A PRENZLAUER BERG

Il 16 novembre è stato inaugurato un nuovo museo della DDR. Si trova nel Kulturbrauerei a Prenzlauer Berg. Come il famoso museo di fronte al Duomo di Berlino anche questo tratta la vita quotidiana ai tempi della DDR. Sono praticamente due musei in concorrenza! Appartengono a due diverse organizzazioni. Sono andata a visitare anche questo nuovo museo.
L’interesse per la DDR dal punto di vista turistico è enorme se consideriamo che il DDR Museum, aperto nel 2005, quest’anno ha avuto un nuovo record di presenze: 500 mila, circa 1500 al giorno!
L’ho visitato nel 2006 e non posso parlarne bene. La visione che dà della società e della vita quotidiana degli allora abitanti della Germania dell’Est è un po‘ da fumetto con molti luoghi comuni, tanto comuni. L’unico motivo valido per visitarlo era l’interesse per il design degli oggetti esposti.

LA VITA QUOTIDIANA NELLA DDR

Ora con questo museo il tema è lo stesso: la vita quotidiana nella DDR. L’esposizione è suddivisa in settori: il lavoro, la scuola, il tempo libero e non manca anche l’angolo della Volkspolizei e la Stasi.
Vedrete riprodotti anche luoghi come un Kneipe (bar), un negozio di alimentari, una rivendita di giornali.
La Trabant (l’auto popolare della DDR, un po‘ come la nostra Fiat 500) non poteva non mancare, questa volta in versione vacanza: con la tenda montata sul tetto della macchina.

Intershop 2000

Anche questo museo è interattivo, ci sono filmati d’epoca e installazioni audio e video. Le tavole descrittive sono tutte dello stesso tono: la vita quotidiana in quel sistema che non esiste più era come quella nostra, facevano le stesse cose ma erano irregimentati e non erano liberi.

Intershop 2000

Molto banale e di poco contenuto storico. In comune i due musei hanno che sono evidentemente rivolti al turismo di massa, quindi molto ad effetto e poco „musei“. I berlinesi DOC credo ne abbiano fin sopra i capelli di questa maniera di rappresentare un certo periodo storico. Questa insistenza nell’inserire sempre un messaggio di giudizio invece di illustrare e mostrare un periodo storico è una brutta abitudine da queste parti e viene fatto solo su questo tema.

Intershop 2000

Quindi sono uscita dal museo senza avere imparato niente, ma solo per la collezione vale la pena. E poi rispetto all’altro DDR Museum questo è gratuito! Sicuramente valido per gli appassionati di design e per chi viene per la prima volta a Berlino e giustamente ha la curiosità di vedere come si viveva „dall’altra parte“ (è il modo in cui tutt’oggi i berlinesi indicano Berlino Est).

Sull’argomento, per chi è interessato, si trova di meglio e un po‘ più genuino. Ad esempio il negozio-esposizione Intershop 2000. Una volta era in un hangar anonimo a Friedrichshain e ora è sempre in questo quartiere ma un po‘ nascosto.

Intershop 2000

Qui potrete vedere lo stesso tanti oggetti originali che facevano parte del quotidiano nella DDR, molte cose le potrete anche acquistare a prezzi accessibili mentre altre sono solo per esposizione. Fra l’altro nonostante la DDR non esista più, moltissimi dei prodotti e delle marche di alimentari e non si trovano in tutti i supermercati di oggi.

Non ci sono tavole descrittive ma potrete scambiare due chiacchiere con la persona al banco e farvi raccontare qualcosa della vita quotidiana a Berlino Est.
Alltag in der DDR
Knaackstrasse 97, 10435 Berlino
Orari di apertura:
dal martedi‘ alla domenica dalle 10 alle 18
giovedi‘ dalle 10 alle 20
Entrata gratuita
DDR Museum
Karl-Liebknecht-Strasse 1, 10178 Berlino
Orari di apertura:
dal lunedi alla domenica dalle 10 alle 20
domenica dalle 10 alle 22
Entrata: 6 euro
Per maggiori informazioni: sito
 
 
Intershop 2000
Danneckerstrasse 8, 10245 Berlino (a pochi passi dalla stazione della metropolitana di Warschauer Strasse, Friedrichshain)
Orario di apertura:
dal mercoledi‘ al venerdi‘ dalle 14 alle 18
sabato e domenica dalle 12 alle 18

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.