Niederschönhausen – un villaggio dentro Berlino

Majakowskiring

Majakowskiring

NIEDERSCHÖNHAUSEN – UN VILLAGGIO ALL’INTERNO DI BERLINO

Prosegue l‘esplorazione di Berlino fuori dal piccolo centro creato quasi esclusivamente per esigenze del turismo di massa. Questa volta sono andata a Pankow, nella zona di Niederschönhausen. Oltre ad essere una zona molto bella di Berlino, piena di verde e più simile ad una cittadina di una qualsiasi provincia. Questa zona fino al 1920 era uno dei paesi satelliti intorno alla città di Berlino. Ci sono tre attrazioni che mi hanno portata qua: Majakowskiring, il Wohnsiedlung Paul-Franke-Strasse e il Volkspark Schönholzer Heide.

Majakowskiring

Majakowskiring

Il quartiere di Pankow (che prende il nome da Panke, un piccolo affluente del fiume Spree) e la zona di Niederschönhausen sono caratterizzati dalla presenza di numerose villette, giardini, case coloniche e molto verde, alcuni dei motivi per cui molti berlinesi benestanti si sono trasferiti qui.

Majakowskiring

Majakowskiring

IL VILLAGGIO DEGLI INTELLETTUALI IN ESILIO DURANTE IL NAZISMO

Pankow è uno dei quartieri della ex DDR e all’epoca si calcola che, in particolare a Niederschöhnhausen, vi abitassero più di 500 personalità legate al mondo della cultura e dell’arte che durante il nazismo andarono in esilio o emigrarono o fecero parte della resistenza, e che poi ritornarono a Berlino una volta terminata guerra.

Majakowskiring

Majakowskiring

Majakowski-Ring è un piccolo quartiere di forma ovale, sembra quasi una piccola isola urbana, ai lati della via ci sono villette di vario stile e piccoli giardini. Questo nome è stato dato nel 1950. Ai tempi della DDR risiedevano qui anche alcune ambasciate e fino al 1960 i dirigenti più importanti del governo. Tutt’ora sono riconoscibili le varie case di alcune personalità, ad esempio Otto Grotewohl (il primo presidente del consiglio dei ministri della DDR), Wilhelm Pieck (il primo presidente della DDR), Hanns Eisler (famoso compositore che lavorò) fra gli altri con Ernst Busch, Bertolt Brecht e Helene Weigel. Hanns Eisler viene anche ricordato per avere composto l’inno della DDR „Auferstanden aus Ruinen“ (Risorti dalle rovine). Altri due coinquilini famosi del Majakowskiring sono stati: Walter Ulbricht (segretario generale del SED dal 1950 al 1971), Erich Honecker (segretario generale del SED dal 1971 al 1989).

L’unica nota negativa in questa piccola isola urbana dalla forma ovale sono le villette moderne che sono state costruite negli ultimi anni, degli orrori architettonici, secondo il concetto del lusso da baraccone.

Wohnsiedlung

Wohnsiedlung

Il Wohnsiedlung Paul-Franke-Strasse si trova praticamente di fianco al Majakowskiring, riconoscibile subito dagli edifici in mattone rosso. La strada ha la tipica forma a ferro di cavallo dei Wohnsiedlungen (costruiti all’inizio del 1900). Questi conglomerati urbani furono costruiti per far fronte all’emergenza abitativa durante il periodo di industrializzazione di Berlino.

Wohnsiedlung

Wohnsiedlung

Le case in cui gli operai abitavano erano le famose Mietskaserne (oggi risanate e restaurate); fino alla fine del 1800 quasi la metà della popolazione viveva in appartamenti di praticamente una stanza in cui si trovavano zona cucina, soggiorno e letto, la toilette era sulle scale e a volte veniva usata da più di 40 persone! Le abitazioni erano anche buie e con scarsa areazione, per non parlare di chi era costretto a vivere nelle cantine.

Wohnsiedlung

Wohnsiedlung

I Wohnsiedlungen dovevano essere la soluzione contro questo terribile livello di vita, tanto da grave da essere diventata una priorità per i governi di allora. I Wohnsiedlungen erano progettati secondo il motto „Sole, luce e aria„. Il progetto di questo in Paul-Franke-Strasse era dell’architetto Paul Mebes e fu realizzato fra il 1908 e il 1909.

Volkspark Schönholze - resti del lager

Volkspark Schönholze – resti del lager

Heide Schönholz era una colonia creata praticamente dalla regina Elisabeth Christine dopo che il marito Federico II le vietò l’accesso allo Schloss Schönhausen (castello di Schönhausen) a Niederschönhausen (periodo 1790). Nel 1920 anche questa zona fu annessa alla città di Berlino. Il parco si presenta più come un bosco, camminando si passa davanti ai resti di un lager. Il motivo è che in quest’area, tra il 1940 e il 1945, era situato uno dei più grandi lager di Berlino in cui si trovavano persone dall’Europa dell’est destinate ai lavori forzati. Il campo venne costruito dalla Deutschen Waffen- und Munitionswerken (Industria tedesca di armi e munizioni). Proseguendo si trovano le tombe delle vittime del campo, oggi è un memoriale in ricordo delle vittime del nazismo.

entrata memoriale

entrata memoriale

Camminando attraverso il bosco per circa un km, si raggiunge l‘Ehrenmal für die gefallenen sowjetischen Helden (memoriale per gli eroi sovietici caduti). I lavori per la costruzione di questo monumento iniziarono nel 1947. Subito dopo la fine della Guerra, l’Armata Rossa fece costruire il memoriale a Tiergarten e in seguito quello a Treptower Park e questo di Schönholzer Heide.  Attualmente il monumento è in fase di restauro e quindi non aperto al pubblico.

Volkspark Schönholzer

Volkspark Schönholzer

Da vedere anche Schloss Niederschönhausen (castello di Niederschönhausen), costruito nel 1704 e che dopo la costituzione dello Stato della DDR (7 ottobre 1949) diventò la sede ufficiale del suo primo (ed unico) presidente Wilhelm Pieck (1949-1960). In seguito fu usato per accogliere le personalità politiche ospitate dal governo. Da non perdere il Bürgerpark Pankow, il parco lungo il fiume Panke che fu creato nel 1907.

Ein Gedanke zu “Niederschönhausen – un villaggio dentro Berlino

  1. Pingback: Il Memoriale Sovietico a Pankow | Berlin Kombinat Blog

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.