Metropolitana U2: un altro modo di visitare Berlino #1

Berlino metropolitana

U-Bahn Wittenbergplatz

SCOPRIRE BERLINO CON LA METRO U2 – PRIMA PUNTATA

Ci sono tanti modi di visitare e conoscere Berlino, uno di questi è sicuramente la metropolitana (U-Bahn). La rete della metropolitana berlinese è testimone di tutti i passaggi storici della città e del suo sviluppo urbano, dalla fine del 1800 ad oggi. Il microcosmo della movimentata e colorata vita dei berlinesi. Ogni stazione ha una sua identità ed estetica, già solo questa cosa è un motivo per una visita, un po‘ come andare in una galleria d’arte o in un museo.

Ho scelto la linea U2 perché attraversa la città da est a ovest passando per molti siti che sono anche quelli classici di interesse turistico, oltre ad essere una delle prime ad essere state costruite insieme alla U1, U3 e U4 dal 1896 al 1913. Tutte queste prime linee si distinguono dalle altre perché hanno i binari più stretti e lo sono di conseguenza anche i vagoni.

KaDeWe

KaDeWe

La linea U2 è contraddistinta dal colore rosso ed è lunga circa 21 Km, parte da Pankow (est) e finisce a Ruhleben (ovest), in tutto 29 stazioni molte delle quali corrispondenti a zone famose: Alexanderplatz, Märkische Museum, Stadtmitte, Potsdamer Platz, Nollendorfplatz, Wittenbergplatz, Zooloogischer Garten, Deutsche Oper, Olympia Stadion.

U-Bahn Wittenbergplatz

U-Bahn Wittenbergplatz

La storia della rete metropolitana berlinese inizia in un preciso momento storico, l’industrializzazione che porta Berlino nel giro di nemmeno 30 anni (dal 1870 all’inizio del ‚900) da una popolazione di 800 mila abitanti a 2 milioni, questo creò l’esigenza di nuove soluzioni per la viabilità.

U-Bahn Wittenbergplatz

U-Bahn Wittenbergplatz

Un ruolo importante lo ebbe Siemens, inventore della dinamo elettromecanica e padre della linea ferroviaria elettrica, che ebbe l’idea della metropolitana sopraelevata.

U-Bahn Wittenbergplatz

U-Bahn Wittenbergplatz

Il permesso per iniziare i lavori arrivò dopo molti anni perché il governo non voleva che la linea sopraelevata attraversasse le zone abitate dalla benestante borghesia per non rovinare la vista dalle case signorili e per via del rumore; non è un caso che i tratti sopraelevati delle linee U1 e U2 siano presenti da Warschauer Strasse a Friedrichshain, attraversando Kreuzberg fino a Bülowstrasse nel quartiere di Schöneberg, all’epoca zone povere della città.

Ho selezionato solo un paio delle stazioni della U2 ognuna con una sua storia specifica:

U-Bahn Nollendorfplatz

U-Bahn Nollendorfplatz

PRIMA TAPPA: WITTENBERGPLATZ

Wittenbergplatz: è stata costruita nel 1902, una semplice fermata ma viene praticamente modificata nel suo aspetto architettonico nel 1913 dopo che nel 1907 apre il famoso ed elegante KaDeWe (Kaufhaus des Westens), il grande magazzino più famoso della Germania ed ancora oggi una delle mete fisse del turismo. Di conseguenza anche la stazione della metropolitana adiacente doveva essere all’altezza di un edificio così rappresentativo.

U-Bahn Nollendorfplatz

U-Bahn Nollendorfplatz

L’entrata della U-Bahn di Wittenbergplatz si trova ad un metro e mezzo sotto il livello stradale, adornata di maiolica ed elementi strutturali in legno, corredata di cartelloni pubblicitari in stile liberty, anche la biglietteria è praticamente un pezzo di antiquariato. Sembra il set di un film ambientato all’inizio del ‚900. L’altra curiosità si trova alle pareti del binario: l’insegna con il nome della fermata è praticamente la stessa della Underground londinese, si tratta infatti di un regalo degli inglesi per i 50 anni della metropolitana berlinese nel 1952.

Metropol

Metropol

NOLLENDORFPLATZ: IL TEATRO METROPOL

Nollendorfplatz: all’uscita di questa stazione si trova l’edificio del teatro Metropol, costruito nel 1906 e reso famoso dal regista teatrale Erwin Piscator che proprio in questa sede fondò il Piscator Bühne, un collettivo teatrale di cui faceva parte anche Bertolt Brecht. Oggi, dopo vari cambi di nome e proprietari, il Metropol è un locale per eventi di vario genere e di gastronomia.

U-Bahn Nollendorfplatz

U-Bahn Nollendorfplatz

Le vie intorno a Nollendorfplatz costituiscono anche la tradizionale zona gay di Berlino, e non è un caso che proprio all’entrata della metropolitana ci sia una targa in memoria delle vittime omosessuali del nazismo. Sempre sul tema la memoria, nella hall della stazione si trova una targa in memoria di Werner von Siemens e il motivo è nell’introduzione a questo articolo.

U-Bahn Bülowstrasse

U-Bahn Bülowstrasse

Quello che ho trovato piu‘ interessante è scoprire qual è stata la sorte di questa fermata dopo la costruzione del Muro nel 1961: la linea U2 venne chiusa lungo il percorso che precede Potsdamer Platz fino a Pankow. La conseguenza è che all’inizio degli anni ’70 furono chiuse anche alcune stazioni della parte ovest, perché non più utilizzate dai viaggiatori, e una di queste fu proprio Nollendorfplatz. Ma come spesso è accaduto in quel periodo, la reazione contro una situazione negativa sono state la creatività e l’invettiva: nella stazione si trasferì un mercatino dell’usato! Un tentativo per rivitalizzare la zona.

U-Bahn Bülowstrasse

U-Bahn Bülowstrasse

Bülowstrasse: si trova ad appena 600 mt di distanza dalla fermata di Nollendorfplatz. Anche questa stazione è stata aperta nel 1902 e dopo la costruzione del Muro ha fatto la stessa fine di quella di Nollendorfplatz con la stessa idea per rianimare l’area, ma invece di un mercatino dell’usato qua si stabili un bazar turco. Nel 1993 vennero riaperte tutte le stazioni chiuse a causa del Muro.

U2 prossime fermate: Mohrenstrasse, Stadtmitte, Alexanderplatz

Ein Gedanke zu “Metropolitana U2: un altro modo di visitare Berlino #1

  1. Pingback: La pop art nella metropolitana di Berlino | BERLIN KOMBINAT BLOG

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.