Marzahn – una ventata realsocialista a Berlino #1

tour berlino est

STORIA E GUIDA DI MARZAHN, IL QUARTIERE REALSOCIALISTA

Questo è il primo di una serie di post che mostrano gli „altri“ quartieri di Berlino. Di solito si gira nel cosiddetto centro della città: Mitte, Kreuzberg, Friedrichshain, Prenzlauer Berg. Spostandosi dalle aree più turistiche si ha una visione ben diversa e più varia della città, del resto il contrasto è una delle caratteristiche affascinanti di Berlino.

Marzahn è uno dei quartieri nuovi costruiti a seguito dell’ambizioso piano edilizio ideato dal SED (il partito unico della Germania dell’Est) all’inizio degli anni ’70 per far fronte all‘emergenza case considerata problema sociale.

Marzahn

Marzahn

UN APPARTAMENTO COSTRUITO OGNI ORA E MEZZA!

I nuovi centri urbani furono costruiti nella periferia in ampie aree verdi e il modello edilizio scelto fu quello del Plattenbau, perché veloce da costruire ed economico. Per dare un’idea della velocità con cui si eseguì il piano edilizio, c’è un esempio proprio relativo a Marzahn: nel marzo 1975 iniziarono i lavori, nel 1977 furono completate le prime case, statisticamente si è calcolato che fra il 1977 e il 1987 ogni ora e mezza veniva terminata la costruzione di un appartamento.

Marzahn

Marzahn

Nel 1977 era pronta la prima scuola, nel 1978 il primo asilo nido e scuola materna, nello stesso anno il policlinico, già nel 1976 il quartiere aveva i collegamenti con i mezzi pubblici e dall’inizio degli anni ’80 il famoso cinema Sojus, la galleria Galerie M e poi altri istituti scolastici e strutture sportive, il centro polivalente Freizeit Forum Marzahn.

Marzahn

Marzahn

Circondato dagli imponenti Plattenbauten che danno una certa atmosfera realsocialista si trova anche l’antico villaggio Alt-Marzahn, un contrasto affascinante: un paesaggio fatto di edifici moderni, strade molto ampie, spazi a dir quasi sconfinati, tanto verde ed improvvisamente si è catapultati in un’altra epoca. in un luogo idilliaco con tanto di mulino a vento. Le aree ad est del centro della città fino a quelle di campagna intorno ai paesi di Marzahn, Biesdorf, Kaulsdorf, Hellersdorf e Mahlsdorf erano ideali per la costruzione dei nuovi insediamenti urbani previsti dal piano edilizio.

Marzahn

Marzahn

MARZAHN: COSA VEDERE

Ho scelto alcuni posti che secondo me vale la pena di visitare: prendendo la S-Bahn 7 si scende alla fermata Marzahn per trovarsi subito davanti una costruzione che potrebbe ricordare qualche astronave di film di fantascienza, ma è solo un famoso centro commerciale East Gate, bisogna comunque attraversare il ponte fra la fermata della S-Bahn e East Gate per potere iniziare il giro.

Nella piazza vicina al centro commerciale si trova la galleria Galerie M, proseguendo fra Plattenbauten, piazzette e negozi si arriva nella piazza del Freizeit Forum Marzahn, in cui sono presenti varie associazioni culturali, strutture sportive, biblioteca. Quest’anno si festeggiano i 20 anni, l’inizio dei lavori di costruzione avvenne del 1984 ed aperto al pubblico dal 1991.

Marzahn

Marzahn

Uscendo dalla piazza e attraversando la strada, si ha davanti il Bockwindmuehle Marzahn (mulino a vento di Marzahn) situato su di una collinetta a cui piedi si trova il villaggio Alt-Marzahn. In realtà il mulino è una ricostruzione recente (1994), nel 1805 esisteva un mulino di cui non è rimasta traccia.

Marzahn

Marzahn

Nel 1983 si pensò di completare l’immagine da cartolina di Alt-Marzahn con un mulino, prendendo quello di Luckow che era sotto tutela del patrimonio culturale ed ambientale. Ma dopo la caduta del Muro la famiglia Luckow decise di non concedere più l’autorizzazione. Il mulino è funzionante e produce farina e pane con vendita al pubblico. In ogni villaggio è situata al centro la chiesa, e così anche ad Alt-Marzahn: Dorfkirche (la chiesa del paese) che fu costruita nel 1870/71 dal progetto di August Stüler, uno dei più importanti architetti dell’800.

2 Gedanken zu “Marzahn – una ventata realsocialista a Berlino #1

  1. Pingback: La pensione sopra Berlino – Pension 11. Himmel | Berlin-Kombinat

  2. Pingback: Lungo la via per il Tacheles | BERLIN KOMBINAT BLOG

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.