Kreuzberg 36, consigli per gli acquisti – prima parte

berlino cosa fare

Kreuzberg 36

UNA GUIDA A KREUZBERG 36 – PRIMA PARTE

I „consigli per gli acquisti“, quando si parla di Kreuzberg 36, conosciuta anche come la „piccola Istanbul“, sono più che altro di tipo gastronomico, visto che questa è l’offerta principale. Una una passeggiata per il Kiez (parte di un quartiere) 36, per intenderci: la zona intorno a Oranienstrasse. Dove mangiare, bere, fare shopping e cosa vedere nel leggendario Kreuzberg 36.

MANGIARE E USCIRE LA SERA NELLA „PICCOLA ISTANBUL“

Kreuzberg è diviso in SO36 e SW61, lo stesso quartiere ma è come se fossero due diversi mond: i due numeri sono i vecchi codici di avviamento postali usati fino al 1993, amministrativamente non più validi ma restano nella vita di tutti i giorni. SO indica le coordinate sud est e SW sud ovest. I Kiez (parte di un quartiere) poi sono l’essenza dei quartieri, danno un senso di identità ed appartenenza a chi ci vive ed è lì che si coglie l’atmosfera particolare ed unica di Berlino.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

KOTTBUSSER TOR, IL NUOVO CENTRO DI KREUZBERG

Non si può non partire da Kottbusser Tor, il centro del Kiez che è stato praticamente costruito all’inizio degli anni ’70. Il piano di risanamento edilizio del dopo Guerra prevedeva ad ovest la demolizione dei vecchi palazzi e la loro costruzione ex novo.

La ricostruzione a Kreuzberg iniziò i primi anni ’50, non appena arrivarono i fondi del Piano Marshall. Agli inizi degli anni‘ 70 è il turno di Kottbusser Tor: buttare giù tutto e costruire „moderno“, secondo il gusto dell’epoca. Il risultato sono edifici prefabbricati, opera che culmina con la „muraglia residenziale“ che dà il benvenuto nel Neues Kreuzberg Zentrum (il nuovo centro di Kreuzberg).

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Kottbusser Tor che, a prima vista, riesce ad essere davvero non attraente, ma è proprio questo che la rende amata e particolare. Oggi, con i tanti locali, questa piazza è considerata addirittura in!

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Südblock (Admiralstr. 1-2): è un nuovo locale, ha aperto da circa due anni e durante il giorno funziona come bistrò e bar (consigliato il brunch di domenica) e la sera diventa club con un programma di party prevalentemente queer. La clientela è un bel mix fra famiglie del quartiere e pubblico queer.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Simitdchi Cafe & Backhaus (Adalbertstr. 97): simit (il pane a forma di anello con sopra il sesamo) e tante specialità da forno turche, buonissime e sfornate sul posto, cosa rara a Berlino (sono pochi i forni che davvero producono pane & co.).

Cafe Kotti (Adalbertstr. 96):  bar molto frequentato, sia di giorno che di sera, piacevole il mix multiculturale della clientela e con vista panoramica sulla piazza di cemento!

Taka (Adalbertstr. 97): una tavola calda dove si può assaporare pesce senza tante raffinatezze dettate dalla moda, il piatto di alici grigliate merita una pausa pranzo.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Möbel Olfe (Reichenberger Str. 177): il kneipe (bar) che non ha bisogno di presentazioni! Probabilmente il più conosciuto della zona, e sempre molto frequentato. Qui non si vende solo birra, ma vengono organizzate anche serate di solidarietà per diversi progetti sociali e politici. L’Olfe è da sempre attivo nella rete sociale di Kreuzberg 36. Il Möbel Olfe è un locale gay e lesbico, è da precisare, visto che molte guide non lo fanno e i gestori si sono lamentati. Macchine fotografiche all’interno non sono gradite.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Alle spalle della muraglia di cemento si trova Dresdner Strasse, una delle vie risparmiate dal titanico piano di risanamento del dopoguerra: le case originali sono rimaste ma restaurate e ripulite; in questo modo si può avere un’idea di come era questa zona all’inizio del ‚900.

Quindi, durante la giornata, potete fare una capatina all‘alimentari bio Der Milchladen (Dresdener Str. 20), con un menù giornaliero di 3-4 pietanze, oppure di fianco il Dresden, che ha aperto da meno di un anno. Sono bei posti per un caffè e derivati, o per la pausa pranzo.

Per la sera c’è l’imbarazzo della scelta lungo i due lati della via, Gogonzola Club (Dresdener. Str. 121) ha una buona fama come ristorante.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Dall’altra parte del marciapiede c’è il kneipe Zum Franziskaner, un esempio dello stile originale di Kreuzberg, rappresenta anche esteticamente quello che è questo quartiere. Frequentato poco dai turisti e molto dagli abitanti della zona.

Arriviamo su Oranienplatz che incrocia Oranienstrasse: se si è appassionati di cioccolata artigianale o se si vuol mangiare un buon gelato basta andare da Art en Chocolat (Oranienplatz 15).

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Non si potrà non notare Kuchen Kaiser (Oranienplatz 11-13), una istituzione gastronomica di Kreuzberg, aperto nel 1866 e famoso come café e per la qualità delle torte. Poi venne chiuso nel 1957 perché, tra i danni provocati dalla Guerra e il trovarsi proprio al confine fra settore americano e sovietico, i proprietari non riuscirono a risollevarsi economicamente. Nel 1998 Kuchen Kaiser ha riaperto con nuova gestione ed è diventato un ristorante molto frequentato.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Un ristorante spagnolo in cui ho sempre mangiato piuttosto bene, buona scelta di vini e arredamento interno tipico, si trova proprio nella Oranienplatz: Sol y sombra (Oranienplatz 5).

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Il Luisenstädtchen Kanal, durante i decenni del Muro di Berlino, era una „striscia della morte“, così venivano chiamate le aree adiacenti al Muro. Il Markthalle (tipo mercato rionale) costeggiava la „striscia della morte“. Oggi il vecchio e caratterisco edificio del Marktahlle è sede di un ristorante tipico berlinese, arredamento incluso: Zur kleinen Markthalle (Legiendamm 32).

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Dall’altra parte del Muro, su Leuschnerdamm, c’è un piccolo Kneipe in stile fra il punk, metal e trash: Misfit (Leuschnerdamm 41). Uno dei pochi locali della zona non ancora invaso dalle masse: è piacevole, seppur particolare, con il suo stile fra il punk rock.

Poco più avanti il ristorante Henne (Leuschnerdamm 25): la specialità di questo posto è il pollo e giusto quello c’è sul menù, si dice sia il migliore di tutta la città. Prenotazione consigliata altrimenti sarà difficile trovare posto.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

GASTRONOMIA TEDESCA A KREUZBERG

Proseguiamo con la gastronomia tedesca e berlinese: non si può non assaggiare almeno una volta delle specialità come l‘Eisbein (stinco di maiale bollito) o il piatto misto di carne ed altre delizie tipiche della cucina tedesca, l’indirizzo è: Wirthaus Max und Moritz (Oranienstr. 162). Questa locanda esiste dal 1902, ed è una specie di monumento cittadino: l’arredamento è rimasto quello di una volta e, nonostante sia oggi un locale prettamente turistico, la qualità del cibo e i prezzi sono invariati. Max e Moritz sono i protagonisti delle strisce a fumetti di Wihlelm Busch, pubblicate nella seconda metà dell’800.

Di fronte al Max und Moritz, il Tante Horst (Oranienstrasse 45), Kneipe gestito in forma collettiva e buon punto di incontro per una birra.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

Nel tratto di Oranienstrasse che scoppia letteralmente di bar, café e tavole calde c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Consiglio comunque il Milch & Zucker (Oranienstr. 37), la mattina a Kreuzberg inizia verso le 12, quindi trovare un buon caffé è difficile se si è in giro di mattina presto, questo bar apre addirittura alle 7!

Dall’altra parte della strada c’è una bella libreria specializzata in letteratura italiana e il nome dice già tutto: Dante Connection (Oranienstr. 165).

Qualche passo più avanti un bistrò specializzato nella cucina sana, sanissima, bio, ancora più che bio: ayurveda. Anaveda (Oranienstr. 169), frequentato durante la pausa pranzo dalle persone che lavorano negli uffici dei dintorni.

Kreuzberg 36

Kreuzberg 36

All’angolo fra Oranienstrasse e Adalbertstrasse c’è Aki Tatsu (Adalbertstr. 90), sushi buono e molto economico.

In Adalbertstrasse passiamo a qualcosa di meno salutare e più bevereccio, tre Kneipe-Bar molto particolari: Rote Rose (Adalbertstr. 90), aperto 24 ore su 24 per tutti gli appassionati del bicchierino in più e per chi non riesce a dire: „Una bella nottata, ma ora vado a casa“.

Trinkteufel (Teufel significa diavolo), con sottotitolo Das Tor zur Hölle: La porta per l’inferno (Naunynstr. 60), bar stile punk e rock. Uno stile, questo, che è il marchio di fabbrica di Kreuzberg 36.

Il terzo è Jodelkeller (Adalbertstr. 81), Keller significa cantina, e così è. Euesto Kneipe-Bar si trova in un seminterrato ed è frequentato da motociclisti (ma non solo).Ed è sempre Feierabend!

Per conoscere e visitare il quartiere di Kreuzberg 36, inviare una email a: info@berlin-kombinat.com.

…continua…

5 Gedanken zu “Kreuzberg 36, consigli per gli acquisti – prima parte

  1. Pingback: I giardini e i parchi a Berlino | BERLIN KOMBINAT BLOG

  2. Pingback: La "Nuova Venezia" a Berlino | BERLIN KOMBINAT BLOG

  3. Pingback: Berlino e l'Arte urbana | Berlin Kombinat Blog | Berlino guida alternativa

  4. Pingback: Dove mangiare a Berlino con vista panoramica | Berlin Kombinat Blog

  5. Pingback: Kreuzberg, dove mangiare e i locali - pt. 2 | Berlin Kombinat Blog

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.