Jim Avignon ridipinge East Side Gallery

Cosa vedere a Berlino

Jim Avignon sulla East Side Gallery

UN FLASHMOB DI JIM AVIGGNON PER RIDIPINGERE EAST SIDE GALLERY

Jim Avignon, protagonista di un’azione artistica, dipinge a nuovo una parte del muro della East Side Gallery coprendo il suo murales del 1990. E si crea un ennesimo caso legato alla ormai travagliata storia della East Side Gallery.

Jim Avignon è un famoso artista e musicista di Berlino – Kreuzberg e nel 1990 è stato uno degli artisti chiamati a dipingere sul pezzo più lungo rimasto del Muro di Berlino.
Il titolo dell’opera originaria del 1990 era „Doin It Cool For The East Side“, diversi anni dopo la East Side Gallery necessitava lavori di restauro e così fu chiesto agli artisti di dipingere delle copie di quello che avevano fatto in precedenza. Non tutti accettarono, con motivazioni che andavano sul piano economico fino a quello artistico, affermando che una copia perde completamente di significato. Quella di Jim Avignon fu quindi rifatta da studenti della scuola d’arte.

UN MURALES LUNGO 19 METRI

Per questo motivo Jim Avignon in un’intervista ha affermato che il suo contatto emozionale con il suo lavoro artistico non era più così stretto e che da tempo stava pensando di dipengere qualcosa di nuovo sopra. Detto fatto. Con un flashmob ha dipinto insieme ad altre persone un nuovo murale su 19 metri del muro.
Discussione animata e rischia ripercussioni legali. Peccato, io trovo il nuovo murale davvero bello e mi è piaciuta la sua idea. Tra l’altro, se devo essere sincera, la maggior parte dei murales sulla East Side Gallery non sono esaltanti e non sono tutti fatti all’epoca della creazione del progetto. In più lo stato della East Side Gallery non è dei migliori, coperta dai lasciti dei tanti turisti.
Jim Avignon ha inoltre azzardato una proposta: ogni anno il muro della East Side Gallery potrebbe essere dipinto a nuovo da artisti provenienti da tutto il mondo. Così si potrebbe catturare lo spirito mutevole del tempo.
Sembra una proposta assurda, ma più ci penso e più mi sembra un’idea valida. Personalmente riesco a vedere il Muro in se come testimone di un’epoca ma molto poco i tanti murales, quindi perché non cambiarli ogni anno?
E voi cosa ne pensate? East Side Gallery deve restare così o potrebbe cambiare opere ogni anno?

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.