In viaggio verso il nuovo Tacheles

Berlino cosa vedere

By De-okin (talk) 14:44, 23 November 2008 (UTC) (Own work) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)], via Wikimedia Commons

IL NUOVO COLLETTIVO TACHELES A MARZAHN

Il famoso Tacheles che si trovava nella ormai iper-turistica zona di Mitte non esiste più da un anno. I turisti chiedono sempre di andare a vederlo non sapendo che per ora è ancora possibile vedere solo la facciata. Un bellissimo edificio decadente che ci ricorda l’immagine di quella zona negli Anni ’90, una rarità visto che Mitte è completamente cambiata sia esteticamente sia nell’animo.
Anche in questo caso, come in tanti altri, a Berlino pezzi storici della città sono vittima di investitori che hanno lo scopo di trasformare tutto in profitto e che poi puntualmente vanno in bancarotta. Risultato è che non si sa ancora con certezza di che morte dovrà morire il vecchio Tacheles, che fra l’altro è sotto protezione monumentale.
 

Marzahn Plattenbauten

Intanto il contenuto dell’edificio storico, ovvero gli artisti, si sono trasferiti a Marzahn, un quartiere dell’estremo est di Berlino, uno di quelli nati fra la seconda metà degli Anni ’70 e gli Anni ’80.

Marzahn Gartenstadt

Fino a poco tempo fa seguiti da un cattiva fama, che molto ha a che vedere con una sorta di pregiudizio inculcato sin dai tempi della Guerra Fredda su tutto ciò che aveva a che vedere con l’Est.

Marzahn Allee der Kosmonauten

I commenti generali erano sempre del tipo: „Ah, a Marzahn non c’è niente“, „Quei Plattenbauten sono brutti e tristi“, „Stai attenta, è pieno di nazi“. Come spesso accade, quando l’opinione è unica  e di massa, la cosa migliore è non darci molto peso e provare di persona senza pregiudizi.

ancora Plattenbauten!

MARZAHN, UN QUARTIERE ANCORA TUTTO DA SCOPRIRE

Marzahn è tutt’altro che un quartiere poco interessante e di cose da vedere ce ne sono eccome. Per quanto riguarda i nazi, anche questa cosa si è un po‘ montata come panna nella testa delle persone, una psicosi collettiva. Fra le mie esplorazioni, regolari da circa quattri anni sono quelle a Marzahn, Hellersdorf e Hohenschönhausen.

Marzahn

Tanto è vero che ho creato proprio un tour per Marzahn con Berlin Kombinat Tours. Tra l’altro sono proprio i posti in cui si può ancora percepire chiaramente di trovarsi a Berlino Est e non mi riferisco solo all’aspetto urbanistico, bensì ad una certa atmosfera e al modo di vivere.

Aggiungo che da due anni i media stanno facendo un lavoro direi gionaliero e, come d’incanto, la percezione delle cose inizia a cambiare. Direi che tempo un anno anche i Plattenbauten risulteranno belli e interessanti, almeno per la storia che li riguarda.
 

a due passi dal nuovo Tacheles

In questo articolo ci sono alcune fotografie del tragitto che ho percorso per arrivare al nuovo Tacheles. Marzahn cambia paesaggio in continuazione, fra le distese di Plattenbauten si trovano improvvisamente agglomerati di casette unifamiliari con giardino e stradine simili ad un paese di montagna.

e ancora Plattenbauten!

Sull’ampissima Rhinstrasse ci sono da un lato solo monotoni Plattenbauten e di fronte ci sono i Gartenstadt: aree con tante casette chiamate Datscha con giardino, sono le depandance per trascorrere i fine settimana o i pomeriggi come se si stesse fuori città. A Berlino sono molto comuni, si trovano anche nei quartieri più centrali o dove ci sono i laghi. Durante gli anni della DDR circa l’80% della popolazione ne possedeva una. Un buon modo per rilassarsi nel tempo libero senza lo stress di ore e ore in macchina per raggiungere una qualche località in campagna.

aririvo al nuovo Tacheles

Ho seguito il tragitto più lungo, perché volevo camminare lungo uno dei miei viali preferiti di Berlino: Allee der Kosmonauten (viale dei cosmonauti). Da li poi girando a sinistra, mi sono ritrovata nel bel mezzo di quello che può sembrare un villaggio (mentre è sempre Marzahn, quello dei Plattenbauten). Il nuovo Tacheles si trova proprio qui. Nel prossimo post lo vedrete e vi racconto qualcosa in proposito.

Per scoprire un po‘ Marzahn, la sua storia e cosa si può andare a vedere, leggete i miei articoli di un po‘ di tempo fa:
„Die letzte Platte“ – abitare nella DDR, un viaggio nel tempo

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.