Gropiusstadt fra Christiane F. e il muro di Berlino

Cosa vedere a BerlinoGLI ANNI IN CUI CHRISTIANE F. HA VISSUTO A GROPIUSSTADT

Fra i mille volti di Berlino c’e‘ anche quello del quartiere Gropiusstadt nel distretto di Neukölln. Un quartiere particolare e con una storia legata allo sviluppo edile nella Berlino ovest della guerra fredda.

Gropiusstadt divento‘ un luogo „famoso“ fra la fine degli anni ’70 e inizio anni ’80 con la pubblicazione del libro „Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino“ e del film „Christiane F., noi i ragazzi dello Zoo di Berlino“. Christiane F. (Felscherinow) abito‘ in questo quartiere fra il 1975 e il 1978.

Cosa vedere a BerlinoUna storia quella di Christiane F., che fece scalpore mostrando altro da quello che Berlino ovest aveva l’incarico di essere durante la guerra fredda: la vetrina del capitalismo sul confinante blocco comunista. L’immagine di Gropiusstadt uscita dal film e dal libro ha contribuito fino ad oggi al suo richiamo negativo.

Cosa vedere a Berlino

IL MURO DI BERLINO HA CAMBIATO IL PROGETTO

La storia di questo progetto architettonico non inizia certo con Christiane F.. La progettazione risale a prima della costruzione del muro (13 agosto 1961).

All’epoca c’era l‘emergenza abitazioni (cosa di cui Berlino soffre cronicamente) e quelle gia‘ esistenti nella zona piu‘ centrale non offrivano un sufficiente standard abitativo. Il progetto per questo nuovo complesso residenziale fu affidato a Walter Gropius che nel 1919 fu creatore e direttore del leggendario Bauhaus a Weimar.

Cosa vedere a BerlinoIl progetto edile che inizialmente portava il nome „BBR“ (sta per Britz-Buckow-Rudow, quartieri del distretto di Neukölln), duro‘ dal 1962 ai primi anni ’70 e venne poi rinominato Gropiusstadt.

Nel frattempo Martin Gropius non pote‘ vedere il lavoro ultimato, perche‘ mori‘ nel 1969. Il risultato pero‘ non aveva molto a che vedere con il progetto iniziale di Gropius.

Inizialmente l’idea era di costruire palazzi non piu‘ alti di 5 piani e tutto cambio‘ con la costruzione del muro. A quel punto la superficie a disposizione si ridusse e si opto‘ per costruire in altezza e fitto. Il grattecielo „Ideal“ con i suoi 31 piani e‘ uno degli edifici residenziali piu‘ alti in Germania.

Cosa vedere a Berlino

Quartiere dormitoriO O CENTRO RESIDENZIALE PER FAMIGLIE?

Nel dopoguerra uno dei problemi piu‘ gravi era la mancanza di case e quelle tipiche berlinesi erano state costruite cosi‘ vicine una all’altra tanto che le stanze risultavano molto buie, l’idea di Gropiusstadt era quindi di costruire un centro abitato che offrisse migliori standard abitativi per le persone.

Non ando‘ esattamente cosi‘ e ne usci‘ qualcosa di piu‘ simile ad un quartiere dormitorio in cui la struttura creava anonimato. Da qui in poi Gropiusstadt e i suoi abitanti dovettero convivere con il pessimo richiamo mediatico che descriveva l’abitato come degradato socialmente e che non miglioro‘ dopo il libro di Christiane F. .

Cosa vedere a BerlinoLe voci e i pregiudizi sono spesso duri a scomparire: la mia esperienza e‘ che Gropiusstadt e‘ un luogo interessante con una struttura urbana diversa da quella tipica a cui la maggior parte di noi e‘ abituata e in genere questo crea dal disagio al rifiuto.

Mancano alcuni riferimenti urbani a noi familiari, ad esempio negozi, bar e ristoranti posizionati al pian terreno degli edifici residenziali.

Cosa vedere a Berlino

GROPIUSSTADT OGGI

Per certi versi ha similitudini con i quartieri a est come Marzahn. Rispetto ai quartieri „classici“ di Berlino e‘ sicuramente piu‘ verde. E negli anni, grazie anche a lavori di restyling, Gropiusstadt ha iniziato a liberarsi del richiamo negativo e sempre piu‘ famiglie si trasferiscono qui.

Cosa vedere a BerlinoPer chi ama i punti panoramici, consiglio di salire all’ultimo piano del grattacielo „Ideal“ e avrete un panorama sicuramente diverso di Berlino.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.