Da Berlino ad Hanoi con il tram 8

berlino cosa fare

UN IMMENSO CENTRO COMMERCIALE ASIATICO A LICHTENBERG

Una passeggiata nel centro commerciale asiatico più grande di Berlino nel quartiere di Lichtenberg: Dong Xuan Center. Di solito, quando si pensa alla multiculturale Berlino, viene subito in mente Kreuzberg e la comunità Turca, ma anche a Berlino Est c’è stato in passato un grande movimento di lavoratori che sono arrivati Germania e che poi sono rimasti. In questo caso sono quelli provenienti in particolare dal Vietnam. Con la costruzione del Muro, venne a mancare (sia a Berlino Ovest sia a Berlino Est) forza lavoro. Ad Ovest si iniziarono a reclutare lavoratori da diversi paesi come l‘Italia e la Turchia, chiamati „Gastarbeiter“ (letteralmente „lavoratori ospiti“), che venivano selezionati nei rispettivi Paesi da appositi centri istituiti dal governo federale tedesco. Questi lavoratori avevano diritto di restare in Germania solo per la durata del contratto. A Berlino Est c’erano i „Vertragsarbeiter“ (letteralmente „lavoratori a contratto“, la versione DDR dei Gastarbeiter) e provenivano dai paesi socialisti amici, il gruppo più numeroso era quello vietnamita (con circa 60 mila operai impiegati nel settore tessile).

Dong Xuan Center

Dong Xuan Center

A differenza della Germania Federale, la DDR offriva corsi di specializzazione ai Vertragsarbeiter: una volta scaduto il contratto di lavoro, sarebbero tornati nei loro paesi di provenienza e con la formazione acquisita potevano contribuire allo sviluppo economico.

100_3021

UN PEZZO DI VIETNAM A BERLINO

Comunque, a parte questo lato quasi „umano“, l’altro aspetto è che questi lavoratori venivano impiegati come manodopera a basso costo (così come i Gastarbeiter a Ovest), venivano alloggiati in palazzi appositi e non veniva praticamente consentito (detto nel tedesco politicamente corretto: „non era gradito“) il contatto con la popolazione tedesca.

Dong Xuan Center

Dong Xuan Center

La maggior parte di questi lavoratori provenienti dal Vietnam sono rimasti anche dopo la fine della DDR, una percentuale altissima aveva perso il lavoro e non possedeva un sufficiente livello di formazione e conoscenza della lingua, quindi in molti si sono messi in proprio aprendo, ad esempio, negozi di alimentari e tessili.

Dong Xuan Center

Dong Xuan Center

UN CAPANNONE CON 240 COMMERCIANTI!

Oggi nel quartiere di Lichtenberg c’è il centro commerciale asiatico più grande di Berlino, occupa l’area dove si trovavano le industrie Siemens e che nella DDR diventarono VEB Elektrokohle Lichtenberg in cui erano impiegati 3000 lavoratori, nel 1997 venne chiusa la produzione. I resti dei blocchi industriali che sembrano fantasmi e che danno l’impressione di trovarsi in una zona depressa non vi ingannino. Oggi ci sono centinaia di imprese, attive oltre all’impressionante Dong Xuan Center. Il centro è costituito da 8 capannoni in cui operano 240 commercianti e in cui si trova di tutto, dalla gastronomia, negozi di alimentari, vestiti, parrucchieri etc.

Lichtenberg

Lichtenberg

Una passeggiata lungo la Herzbergerstrasse (dove si trova anche il Dong Xuan Center) fino al Evangelischen Krankenhauses Königin Elisabeth Herzberge vi farà scoprire diversi edifici industriali che sono sotto tutela del patrimonio culturale e, allo stesso tempo, vedrete come la zona negli ultimi anni sia rinata a livello imprenditoriale. Per arrivare al Dong Xuan Center e allo stesso tempo fare un percorso che vi farà attraversare parti interessanti di Berlino Est, vi consiglio di prendere il Tram 8 da Rosenthaler Platz.

Lichtenberg

Lichtenberg

Ein Gedanke zu “Da Berlino ad Hanoi con il tram 8

  1. Pingback: I luoghi fantasma di Berlino | BERLIN KOMBINAT BLOG

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.